Programma



Guarda gli abstract degli interventi

21 Settembre 2018

Il seguente programma potrebbe subire piccole variazioni

ORA ATTIVITA’ NOTE
09:00 Apertura sala e registrazione partecipanti
09:15 Saluto di benvenuto RIFS
09:30 Pillole Formative Maria Fernandez – TUV Italia
La certificazione volontaria dell’installatore EIA – IMI
10:00 Workshop – Provision ISR Relatore: Stefano Cosi Provision-ISR technical specialist
Le soluzioni di videoanalisi integrata di Provision-ISR
10:30 Workshop – Hochiki Italia Relatore: Ing. Mirco Damoli – Hochiki Italia
Sistemi di rilevazione incendi e illuminazione di sicurezza
11:00 Presentazione RIFS A cura del direttivo dell’Associazione
11:30 Pillole Formative Relatori: Federico Leone e Michele Caccialupi
Privacy & GDPR a tutela dell’installatore
12:30 Break con pranzo a buffet offerto dall’organizzazione dell’evento buffet
13:30 Workshop – Satel Italia Relatore: Antonella Renaldi – Satel Italia
14:00 Pillole Formative Relatore: Vittorio Vitaletti
Marketing – Approccio e gestione del cliente
15:00 Workshop – CIAS Relatori: Sandro Oliana e Andrea Cuttica – Cias
15:30 Pillole Formative Relatore: Dott. Giovanni Villarosa
I sistemi di sicurezza fisica (o passiva)
16:30 Workshop – LS CABLE Soluzioni di rete over IP
17:00 A&Q time in relax 4 chiacchiere in scioltezza sull’andamento del mercato

Moderatrice dell’evento la Dott.ssa Miriam Schinco

Abstract degli interveti

RELATORE INTERVENTO
Dott.
Giovanni Villarosa
Esperto di Security
La sicurezza fisica è anche conosciuta come sicurezza passiva.
Ma questa aggettivazione rappresenta un concetto abbastanza generico, perché i moderni sistemi di sicurezza non subiscono più l’azione criminogena, ma sono ormai in grado di prevenirla.
L’insieme di soluzioni, il cui scopo è impedire che un intruso, un estraneo o semplicemente una persona non autorizzata possa accedere al luogo fisico, rappresenta il perimetro della sicurezza fisica.
Tipici esempi per garantire questo perimetro fisico, li troviamo nei sistemi passivi, quali le porte blindate, le grate di protezione, etc, e nella soluzioni conosciute come attive, proattive, rappresentate appunto dai sistemi di riconoscimento biometrico, sistemi antintrusione, nella videosorveglianza, nei controllo degli accessi.
L’installatore professionista dovrà saper integrare, implementare questi sistemi sempre con una attenta analisi dei rischi.

Michele Caccialupi
Amministratore di sistema
esperto di sicurezza
L’installatore che rispetta la normativa privacy e consiglia il proprio cliente sulle misure di sicurezza da adottare non solo offre un servizio migliore (che lo può distinguere in positivo rispetto alla concorrenza), ma evita anche contenziosi in caso di problemi legali scaturiti da un impianto di videosorveglianza non a norma privacy. Con pochi e semplici accorgimenti un installatore può fornire al proprio cliente non solo un impianto installato a regola d’arte, ma anche una consulenza per rispettare la normativa. L’uso di una reportistica specifica, inoltre, permette di dare evidenza dello stato delle cose alla fine dell’installazione, in modo che un’eventuale alterazione di fattori che hanno impatto legale non siano imputabili all’installatore. (es. i tempi di conservazione delle immagini, l’orientamento delle telecamere, la mancata apposizione dei cartelli “area videosorvegliata”). Vediamo come, attraverso l’uso di smartphone o tablet è possibile l’utilizzo di strumenti specifici che semplificano questo tipo di attività.
Federico Leone Esperto GDPR Antiterrorismo ed organizzazione grandi imprese “Il GDPR è uno strumento che consente ed obbliga a tenere traccia di quanto svolto in tema di trattamento dati personali. Pertanto, è fondamentale che gli operatori di sicurezza tutelino se stessi ed i propri clienti, riuscendo sempre a dimostrare, anche a distanza di tempo, di aver operato correttamente”.
Avv.
Prof.